Drawer Position

Good mornin to you my friend

 
 

Bicibicitalia...
Suggestioni televisive a pedali

Una giovane coppia racconta (senza fretta) la bellezza dell’Italia più incantevole e nascosta.

di Stefano Gabriele
Ideatore e regista

Eccoci qui, come in una favola a raccontare cos’è e come nasce Bicibicitalia.
Compito non facilissimo, sono abituato a lavorare con immagini in movimento e quando scrivo ho sempre un po’ paura di divagare e tediare il lettore. Ma come si fa a descrivere i contenuti della trasmissione, le inquadrature, le luci, come si fa a trasferire a chi legge l‘emozione dei paesaggi, l’incanto di mille paesini, la poesia dei personaggi incontrati…

Bicibicitalia è l’incanto e la magia contenuti in quel fantastico scrigno che è il nostro paese.

Ad aprire lo scrigno abbiamo voluto una vera coppia, Valentina Olla e Federico Perrotta (se non li conoscete vivete nel peccato: cliccate qui) in sella al più ecologico dei mezzi. Ma andiamo con ordine perché…

 
 

Bellezza e frenesia
non vanno d’accordo.

Delle mele che cadono vicino all’albero e perché Bicibicitalia introduce la Slow-Tv

bicibicitalia, il programma dove bellezza e frenesia non vanno d'accordo

Da sempre ho improntato la mia vita al mantenimento di un profilo di sobrietà. Odio gli eccessi, l’essere a tutti i costi sopra le righe, la frenesia dei comportamenti e tutto questo influisce e determina il mio modo di lavorare.
È proprio vero, la mela non cade mai troppo lontana dall’albero: se sono così è perché ho seguito l'esempio di mio padre, un uomo semplice, mai stanco di inseguire le sue passioni.


Nel mio lavoro mi sono spesso imbattuto in progetti e situazioni diametralmente opposti al mio carattere ma ho cercato comunque di interpretare le esigenze dei clienti, fornendo loro il prodotto richiesto confezionato a dovere, non lesinando creatività e fatica.
Ma dentro di me un pensiero fisso: “se ne avrò la possibilità diverrò il fautore di un nuovo modo di comunicare con le immagini; sarò l’antesignano della slow-tv.

Comunicherò in maniera lenta, i miei interlocutori godranno della bellezza dei contenuti, farò in modo che possano bearsi di ciò che vedono.”

 
 

Ma quali contenuti?

Basta leggersi dentro e comunicare quello che si sente.

Bicibicitalia, i contenuti

Io amo la natura in tutte le  sue meravigliose forme,  amo scoprirla e viverla da vicino, amo il mio Paese con tutte le mie forze, nonostante tutto.
Mi serve un modo per raccontare tutto questo e questo modo mi deve rappresentare.
Lo voglio fare con l’aiuto di due ragazzi, persone normali, in un modo che faccia traspirare i loro sentimenti, che sveli pian piano i loro caratteri, i loro pregi e le loro debolezze. Vorrei lanciarli in un’avventura meravigliosa alla scoperta di posti magici ed incantevoli di cui l’Italia è spesso inconsapevolmente ricca.

E vorrei che tutto questo avvenisse in bicicletta perchè...
...la bici mi riporta alle mie emozioni
di bambino e permette a chiunque
di non preoccuparsi solo della destinazione ma di godersi il viaggio,
attimo dopo attimo.
E come un bambino direbbe giochiamo a “girogirotondo”
io mi sono ripetuto in testa
come una infinita filastrocca:
voglio giocare a Bicibicitalia
 
 

Un pizzico di fortuna
non guasta mai.

La provvidenza si chiama Filmarno

Si trattava di riuscire a trovare un modo per produrre il programma secondo criteri qualitativi senza compromessi. Il caso ha voluto che, in vacanza in Molise nel paese d’origine della mia famiglia, fosse presente in quel periodo anche un mio fraterno amico, Mauro Venditti, titolare della FILMARNO.

Logo Filmarno

La mia amicizia con Mauro è la naturale conseguenza di quella dei nostri genitori  nati e cresciuti insieme. Sapevo che Mauro avesse una produzione cinematografica perché aveva seguito le orme del papà ma le nostre strade non si erano mai incontrate prima a livello professionale perché io avevo svolto lavori squisitamente televisivi. Parlando dei nostri progetti ebbi modo di illustrargli Bicibicitalia con l’entusiasmo che mi contraddistingue e mi resi conto che a Mauro il format piacque molto.

Bicibicitalia, Filmarno si gira

Il caso volle che il film che Mauro avrebbe dovuto produrre in quell’anno subì una battuta di arresto momentaneo la qual cosa aprì nella sua mente la possibilità di produrre il programma visto lo spazio che si era venuto a trovare. La nostra sintonia di vedute e la totale reciproca stima e disponibilità ha fatto il resto. Bicibicitalia ottenne il livello produttivo che meritava.